Fashion

Gucci, Prada e Armani: tutte le iniziative della moda per l’emergenza Coronavirus!

Era il penultimo giorno della Fashion Week milanese quando Giorgio Armani ha scelto di far sfilare a porte chiuse, e in streaming soltanto, la sua collezione autunno-inverno 2020/21.
Eravamo tutti in equilibrio fino a che Re Giorgio ha messo un punto. In quel momento è cambiato per sempre il mondo della moda per come lo conoscevamo tutti. A dare uno stop era proprio lo stilista che più di tutti rappresenta il Made in Italy nel mondo. Un segnale fortissimo, inaspettato.

Come in una macchina in panne, chi è alla guida studia la situazione. Pensa a una soluzione, attua velocemente una strategia e si rimette in moto come può. In quindici giorni il fashion sysyem mondiale si è messo all’opera per non soccombere. Per combattere un assassino invisibile, il Coronavirus, per cercare di dare un segnale di supporto a chi si sente perso. Perché un sistema che si blocca totalmente è scoraggiante per chi ne fa parte, ma anche per chi resta a guardare.

Giorgio Armani, ancora una volta, è intervenuto per primo donando 1 milione e 250 mila euro agli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele e Istituto dei Tumori di Milano, allo Spallanzani di Roma e a supporto dell’attività della Protezione Civile per l’emergenza Coronavirus.

Poi sono entrati in campo Chiara Ferragni e il compagno Fedez. Le star dei social network hanno usato il loro seguito digitale per raccogliere fondi e costruire un nuovo reparto di terapia intensiva presso l’ospedale San Raffaele. In pochi giorni, partendo da una donazione di 100 mila euro da parte della coppia, sono stati raccolti 4,4 milioni di euro da oltre 200 mila persone.

Etro ha contribuito offrendo una donazione all’Asst Fatebenefratelli Sacco per aiutare la ricerca del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano.
Dolce&Gabbana ha donato alla Humanitas University per finanziare uno studio mirato a chiarire le risposte del sistema immunitario al Coronavirus.

Donatella Versace, Chief Creative Officer di Versace, e sua figlia, Allegra Versace Beck, hanno donato 200.000 euro al dipartimento di terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele di Milano in supporto alla lotta contro il Coronavirus.

Con la donazione fatta da Bulgari al Dipartimento di Ricerca dell’Ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma, è stato consegnato un importante microscopio 3D. Uno strumento fondamentale per la ricerca che porterà alla prevenzione e al trattamento del virus. Il microscopio verrà inserito in modo permanente nei laboratori di ricerca.

La maison ha deciso di produrre insieme al suo storico partner di fragranze, ICR (Industrie Cosmetiche Riunite, Lodi), diverse centinaia di migliaia di flaconi di gel disinfettante per le mani da fornire in via prioritaria a tutte le strutture mediche attraverso il coordinamento del Governo Italiano. La produzione prevede 6000 pezzi al giorno fino ad arrivare ad un totale di 200.000 pezzi in circa due mesi.

Il presidente di Calzedonia Group Sandro Veronesi oltre alla chiusura di tutti i negozi in Lombardia, ha messo a disposizione impianti e risorse dell’azienda riconvertendo alcuni dei propri stabilimenti alla produzione di mascherine e camici.

Edizione Srl, holding della famiglia Benetton, ha deciso di donare 3 milioni di euro. Serviranno a sostenere i progetti e le necessità urgenti di quattro Istituti ospedalieri, come contributo concreto all’emergenza COVID-19 in Italia. La donazione riguarda gli ospedali Ca’ Foncello di Treviso, Luigi Saccodi Milano, Lazzaro Spallanzani e policlinico Agostino Gemellidi Roma.

Il Gruppo Moncler, guidato da Remo Ruffini, ha messo a disposizione 10 milioni di euro per la realizzazione in tempi brevissimi di un ospedale con oltre 400 posti di terapia intensiva all’interno della ex Fiera di Milano.

Prada scende in campo e riconverte la produzione in sostegno della regione Toscana. Consegnerà 80.000 camici e 110.000 mascherine al personale sanitario. Un piano di consegne giornaliere fino al 6 aprile. Gli articoli sono prodotti internamente presso l’unico stabilimento del Gruppo operativo in questo momento di emergenza.

Anche Gucci, di proprietà del gruppo francese del lusso Kering, dona il suo supporto alla regione Toscana. La maison realizzerà oltre un milione di maschere e 55.000 tute mediche. Altre maison francesi, Balenciaga e Yves Saint Laurent, sempre appartenenti allo stesso gruppo, stanno iniziando a produrre mascherine nelle loro fabbriche francesi.

Si arriverà a realizzare 3 milioni di pezzi per aiutare gli ospedali francesi. L’iniziativa segue quella di LVMH. Sabato ha annunciato il suo impegno a donare agli ospedali francesi 40 milioni di maschere chirurgiche.

Il Gruppo H&M si organizza a livello mondiale e per aiutare a contrastare la diffusione della pandemia COVID-19, sta riorganizzando la sua catena di fornitura per produrre dispositivi di protezione individuale da fornire agli ospedali e agli operatori sanitari. Per consegnare il materiale il prima possibile, il Gruppo H&M, utilizzerà l’intera catena di approvvigionamento, comprese le fasi di acquisto e logistica. I team della filiera produttiva di tutto il mondo stanno collaborando per supportare i Paesi e le comunità dell’intero pianeta.
LVMH si è impegnato a produrre in grande quantità il gel idroalcolico per gli ospedali. Per farlo il gruppo ha attivato tre delle fabbriche francesi, solitamente dedicate alla produzione di cosmetici per Dior, Guerlain e Givenchy. Lo stesso esempio è stato subito seguito da L’Oréal e Coty, brand della bellezza convertiti alla realizzazione di disinfettanti per le mani.

Mayhoola risponde all’emergenza italiana Coronavirus. Infatti il fondo del Qatar che possiede le maison Valentino, Balmain e Pal Zileri, supporterà due diversi progetti, donando un milione di euro ciascuno per migliorare il repardo di terapia intensiva dell’ospedale Sacco di Milano.

Mario ed Enrico Moretti Polegato, presidenti di Geox Spa e di Diadora, hanno donato un milione di euro alla Regione Veneto per contribuire alla gestione dell’emergenza sanitaria.
Il Gruppo Richemont che possiede i marchi Cartier, Van Cleef & Arpels et Chloé ha predisposto 1,2 millioni di euro per la lotta contro la pandemia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close