Fashion

Un abito non fa primavera, un midi a fiori si!

Forse una rondine non fa primavera, ma un abito midi a fiori, quello sì.
“Floreale? Per la primavera? Avanguardia pura” recitava sarcastica Meryl Streep nelle vesti di Miranda Priestley ne Il Diavolo veste Prada.
Nonostante la battuta ironica della nostra attrice, l’abito floreale sotto al ginocchio è ancora l’indiscusso protagonista delle collezioni primavera estate 2020.

I modelli più gettonati della stagione sono quelli che strizzano l’occhio al passato: taglio chemisier, annodato in vita con gonna a ruota o plissé, in stile anni Cinquanta. Oppure dalla silhouette dritta, con scollo squadrato o a cuore e maniche corte a palloncino, come quelli che amava indossare la suocera Lady Diana nei mitici Eighties. 

In passerella, sono i fiori a fare la differenza. Piccoli o microscopici, nostalgici e protagonisti di fantasie allover come quelli di Miu Miu, tratteggiati come disegni, maxi e coloratissimi come quelli dello stilista Valentino. 
Le collezioni primavera estate 2020 dimostrano che l’abito midi floreale può diventare addirittura rivoluzionario, con modelli drappeggiati in tessuti satinati stampati a micro arbusti (Ganni), primule giganti di paillettes (Jacquemus), divagazioni selvagge a tema safari (Dolce & Gabbana) e studiati cut out che lo rendono insospettabilmente sexy (Versace).

Con buona pace di Miranda, c’è chi ha fatto dell’abito midi a fiori il suo cavallo di battaglia. Ne sono esempio le collezioni di Erdem Moralioglu, lo stilista canadese famoso per i suoi abiti floreali in stile Vittoriano, amati anche dalle star. Oppure alla designer colombiana Johanna Ortiz, che per la primavera estate 2020 ha firmato un’intera collezione di abiti midi a fiori per H&M.

Come tutti i grandi classici che si rispettino, l’abito midi a fiori fa la sua figura anche da solo: un’idea per movimentare questi giorni di smart working, da riutilizzare nelle cerimonie che verranno. Vale la pena provarlo con stivali al ginocchio color cuoio che scompaiono sotto la lunghezza o sandali a listini sottili dal tacco kitten. Sopra, a seconda delle occasioni, un blazer o un trench in pelle dalle proporzioni maxi. E sempre a portata di mano, una borsa a secchiello. In attesa di uscire allo scoperto, non resta che esercitarsi con lo shopping…

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close